Archivio per luglio 2007

DOVE STIAMO ANDANDO?

strada.jpg

“Pioviggina sul colle del Sonnenberg, ci alziamo sul sellino per l’ultima salita, finchè in cima l’orizzonte si slarga e a nord -oltre i fiumi, i villaggi e le ultime pendici del Wienerwald- compare solitaria, evanescente come una fatamorgana, la guglia di Santo Stefano. E’ il Danubio, la meta , la gioia, il tuffo al cuore, le domande che frullano in testa. Vienna l’abbiamo già vista: da dove viene questa emozione nuova? Siamo già stati in mezzo mondo: e allora perchè ci sembra di non aver mai viaggiato prima?”

(Paolo Rumiz, E’ Oriente)

PER IL PARTITO DEMOCRATICO

20061027.jpg

Pubblico quest’articolo di Furio Colombo, senatore dell’Ulivo e uno dei decani del gionralismo italiano, apparso sull’Unità il 15 luglio scorso, con si candida alla guida del partito democratico.. mi piacerebbe che il PD fosse questo qui..

Chi avesse assistito nella mattina di venerdì 13 luglio al dibattito al Senato sul riordino dell’ordinamento giudiziario avrebbe notato subito un grave errore nel “manifesto per il Partito democratico” firmato da Rutelli, Chiamparino, Cacciari, Follini. Quel manifesto, pubblicato lo stesso giorno da Europa col titolo “Il coraggio delle riforme” dice: «È finita la lunga stagione in cui la coesione del centrosinistra è stata garantita dall’antagonismo verso Berlusconi». Ecco la prova dell’errore.

Il senatore Gerardo D’Ambrosio si era appena alzato a parlare sulla legge che deve cancellare la nefanda “riforma Castelli” quando la senatrice Anna Cinzia Bonfrisco è scesa nell’emiciclo per urlare all’ex procuratore della Repubblica di Mani Pulite: «Delinquente, assassino, zitto assassino, questo è il tuo giorno!». Anna Cinzia Bonfrisco, pur essendo immensamente volgare nonostante capelli e trucco già pronti per una festa e un abito argento da pubblicità dei cioccolatini, non è matta. E infatti il senatore Schifani ha ingiunto a D’Ambrosio di chiedere lui scusa alla senatrice insultante. E Buttiglione le ha baciato la mano. Tutti hanno ricevuto gli ordini e il messaggio. La sera prima Berlusconi era in televisione, due “dirette” di Rai e di Sky (oltre al Tg 2). Dirette che non toccheranno mai a George W. Bush quando avrà lasciato la Casa Bianca e non toccheranno mai a Chirac, a Shroeder, persino al carismatico Tony Blair. Insomma, mai a nessuno, in Paesi di normale democrazia.
In Italia Berlusconi è tutt’ora in grado di stare, come vuole e quando vuole, al centro della scena. È in grado di prendersi la “diretta” e di incitare il Paese alla rivolta.

Berlusconi in una piazza di Napoli ha mentito per due ore. Ha detto persino (citazione) «Ho fatto più di trenta riforme, 106 opere pubbliche e 12 codici». Proprio così. Ha detto «12 codici». E ha chiamato l’Italia alla rivolta. I suoi senatori ci stanno.

 

Invano i capigruppo Zanda dell’Unione e Russo Spena di Rifondazione difendono D’Ambrosio e invocano il ritorno alla ragione. La manifestazione indecente si porta via una buona ora nella triste storia di questo Senato. Ma il punto è stato fermamente segnato. Berlusconi è (politicamente) vivo e combatte insieme a loro. Perché ripetere il grande errore di negarlo? A beneficio di chi? Non del Partito democratico.

Ma ecco ciò che sto per dire ai lettori di questo giornale, a coloro che mi seguono la domenica e che rispondono con e-mail di obiezioni e sostegno, approvazione e dissenso ai miei interventi: intendo candidarmi alla segreteria del nascente Partito democratico. Questo, vi è chiaro, non è l’annuncio del giornale l’Unità, che resta libero e aperto a tutte le candidature (speriamo molte). È l’annuncio di un candidato.
Immagino una prima legittima obiezione: ma non avevamo detto di fare spazio ai giovani? È una obiezione giusta è non c’è alcuna risposta logica se non questa: ognuno fa (deve fare) quello che può, quando può. Se lo fa bene, in una situazione che interessa tutti (o tanti) come questa, lo fa per passare il risultato agli altri. Che vuol dire: prima di tutto, per cambiare il gioco. O almeno per arricchirlo, se ci riesce, naturalmente.

La seconda obiezione è mia, nella forma di una incertezza. Si può partecipare alle elezioni primarie per la segreteria del Partito democratico, con una serie di regole che sembrano scritte per gli apparati dei partiti (i due “grandi”, Ds e Margherita), i soli ad essere presenti e a poter agire in fretta su tutto il territorio del Paese?
Vorrei ricordare che le elezioni primarie americane si svolgono nell’arco di molti mesi, Stato per Stato, luogo per luogo, quasi mai con coincidenza e sovrapposizione di date, e che ogni singolo episodio (vincere o perdere nel Vermont o in quale graduatoria ci si piazza nelle primarie del Maine) si riflette sia nel luogo sia nella opinione pubblica nazionale (nel 1980 Bush padre prevaleva su Reagan in alcune singole primarie, ma Reagan guadagnava sempre più favore nei sondaggi, anticipando i risultati delle votazioni successive).

Non dubito che gli addetti al disegno definitivo di percorsi e di regole – proprio perché scelti e nominati e insediati in base, devo pensare, a esperienza e buon senso – si porranno il problema più importante per questa nuova entità politica: come si nasce nel nuovo partito (dalla partecipazione alla candidatura) se non si è figlio di uno dei due partiti?

Intendo infatti rappresentare coloro che figli dei partiti non sono, non hanno alcun passato partitico da ricordare o da dimenticare. Intendo portare al centro dell’attenzione dei nuovi democratici lo squilibrio sociale nel quale vive il nostro Paese e la cui descrizione e interpretazione abbiamo affidato – chissà perché – soltanto agli uffici studi di banche e imprese, mostrando invece una sorta di istintivo fastidio, quasi una reazione allergica, se, quando parlano i sindacati.

Userò ancora per un momento il “manifesto” Rutelli-Chiamparino- Cacciari-Follini per indicare la diversità (e anche, se volete, l’estraneità) della mia candidatura rispetto a ciò che fino ad ora è stato detto e anche celebrato.

Dicono i nostri, fra l’altro, che «modernizzare l’Italia non è solo indispensabile ma può essere popolare». Affermo che la vera innovazione e modernità del Partito Democratico non è una gettata di cemento in più o in meno ma riconquistare, attraverso comunicazione chiara e immediata, attraverso il contatto continuo e l’ascolto, la partecipazione dei cittadini, che sono, o si sentono adesso, troppo lontani dai punti di decisione e troppo estranei ai modi in cui si decide. Vicenza è un capolavoro negativo, da non ripetere. Nessuno, mai, (tranne la finta rappresentanza istituzionale di un sindaco inadeguato) ha interpellato o ascoltato i cittadini di quella città sulla base Usa da costruire. Il mio modello sono i town meeting (assemblea di città o di villaggio) di Bill Clinton. S’intende che la decisione finale era responsabilità del presidente. Ma prima il presidente girava mezza America per spiegarsi e ascoltare, due atti essenziali di un governo moderno.

«Coesione sociale è il futuro», affermano i “coraggiosi” di Rutelli. Ma coesione sociale è un punto di arrivo, non di partenza. Sul terreno troviamo un’Italia spaccata e divaricata in cui gli operai vengono ammoniti a non pretendere troppo sulle pensioni, ma è “moderno” stare bene attenti alle “giuste richieste” delle imprese.
Aggiungono i “coraggiosi” che bisogna dare «potere alla creatività dei giovani, un ascensore sociale che torni a far salire talenti, merito, lavoro».

Traducendo dallo stretto politichese, io dirò (direi, se risulterà possibile candidarsi) che ci si deve impegnare nel sostegno – e rifinanziamento – della scuola pubblica e dei suoi insegnanti; che occorre motivare le banche a sostenere con prestiti sulla parola i giovani universitari che non hanno la protezione di una famiglia agiata, ma meritano il prestito (come negli Usa e in Inghilterra) in base ai voti; che il merito non conta niente nel mondo del precariato e della raccomandazione. E che dunque tutto ricomincia dalla squalifica del familismo professionale (i genitori fortunati a cui subentrano figli o nipoti fortunati) e dal ritorno di concorsi bene organizzati e tecnicamente irreprensibili.

Nel manifesto dei “coraggiosi” trovo una frase inspiegabile in un testo politico. È la seguente: «È urgente uscire dall’inverno demografico». Sono stupito e dirò perché. Il problema di governare è creare accesso alle scuole, anche quelle specialistiche, anche quelle costose; al lavoro, attraverso un disegno dei percorsi che non abbandoni i giovani alla solitudine (più soli, più poveri); alla casa, attraverso progetti e programmi che, da decenni, non esistono più. Tutto ciò è urgente, ed è responsabilità pubblica. I figli sono una splendida scelta privata su cui i politici, in un contesto politico, non hanno niente da dire.

Trovo strana, infine, e un po’ minacciosa, la frase finale (dunque, in senso retorico, la più importante) del manifesto Rutelli-Chiamparino-Cacciari-Follini che alcuni considerano fondativi del nuovo Partito Democratico. Trascrivo: «La maggioranza che ha vinto deve governare i cambiamenti. Sappiamo che potrà essere confermata solo se soddisferà le attese degli elettori. Altrimenti il Partito Democratico dovrà proporre una alleanza di centro sinistra di nuovo conio. Per non riconsegnare l’Italia alle destre. Ma soprattutto per non essere imprigionato dal minoritarismo e dal conservatorismo di sinistra, né della paralisi delle decisioni».

Il problema grave posto da questa frase è che prefigura uno spostamento di scena in cui esce dalla inquadratura una parte della sinistra, arbitrariamente definita da un presunto vertice illuminato. Ed entra in scena una parte della destra, indicata con la elegante espressione «un centrosinistra di nuovo conio».
Sostengono gli illuminati che «Veltroni a queste ragioni si ispira». Non mi risulta. In ogni caso propongo di battermi per un Partito Democratico meno gassoso e più fondato sulle cose, non tante. Ma chiare e sempre spiegate.

Proverò a riassumere.
Il Partito Democratico a cui penso è perfettamente cosciente del perdurare della minaccia Berlusconi, che continua a essere visto, anche fuori dall’Italia, come l’incognita allo stesso tempo ridicola (vedi le sue domande parafasciste e un po’ insultanti per la folla di Napoli) e pericolosa per la nostra vita pubblica. Lo sbarramento a Berlusconi si realizza con la presentazione (già avvenuta) e il sostegno (di cui siamo in attesa) di una legge che ponga invalicabili ostacoli al conflitto di interessi.
Il Partito Democratico a cui penso si fonda sulla più rigorosa legalità, vuole sapere tutto dello spionaggio militare a cui sono stati sottoposti magistrati e giornalisti nei cinque anni del governo Berlusconi, e sull’intreccio di quello spionaggio con le intercettazioni private da parte di una grande impresa esente da conseguenze e sugli effetti mediatici di tutta l’operazione.

Quanto è stata deviata, inquinata, cambiata, avvelenata da quella vasta operazione illegale l’informazione su tutto ciò che sappiamo delle vicende italiane?
Il Partito Democratico in cui intendo impegnarmi propone come temi fondamentali i diritti civili, il lavoro, la scuola, la salute, la ricerca, l’ambiente, la casa. Tutto ciò nel quadro – rigorosamente confermato – della Costituzione italiana. Si tratta di settori e aspetti della vita a cui il mercato (grande e superiore eroe della modernità) non provvede o che preferisce ignorare quando il costo non ha immediata contropartita. Le grandi democrazie ci dicono che la contropartita è costituita dai due valori della fiducia e della partecipazione dei cittadini.

Il Partito Democratico di cui parlo capisce e si fa capire, in uno sforzo di comunicazione che non tollera zone d’ombra, segreti e cose non dette. Non vuole la solitudine disorientata dei cittadini con cui nessuno parla, spiega, ascolta prima di decidere.

Il Partito Democratico di cui stiamo parlando non sarà il congiungersi di due burocrazie di partito ma l’afflusso libero di cittadini decisi a essere protagonisti della vita pubblica e non spettatori passivi.
L’impegno è un paesaggio finalmente normale in cui la sinistra è a sinistra e la destra a destra, contando non sulla contaminazione o l’incrocio dei poli ma sulla chiarezza e sul riconoscimento reciproco, una volta espulsa l’illegalità e il conflitto di interessi dalla scena pulita della vita pubblica italiana.

Sinistra è lo spirito della tradizione solidaristica europea, dello schierarsi socialista e cristiano con i più deboli, della tolleranza “liberal” e multiculturale di impronta americana, tutti valori che sono il più vicino possibile alla pace, alla giustizia, alla eguaglianza almeno come punto di partenza. L’impegno è di restituire al cittadino laico lo stesso riguardo, rispetto e attenzione che viene dedicato al credente e alle gerarchie religiose del credente.

Per tutte queste ragioni chiederò, se sarà possibile – ai cittadini che si orientano a sostenere e dare vita e anima al Partito Democratico – di considerare la mia candidatura indipendente e laica che propongo nello stesso spirito con cui alcuni si candidano, in questo periodo, alle elezioni primarie americane. Lo spirito è dare un contributo di proposte e di esperienza, che altrimenti non ci sarebbe. Lo spirito è far sapere ai cittadini che voteranno in queste elezioni primarie che si apprestano a scegliere tra veri candidati e vere proposte alternative.

La vostra risposta di lettori sarà il primo modo di rendere possibile questa candidatura. Essa è soggetta, come già detto, a un chiarimento e a una condizione. Il chiarimento è che l’Unità, con questo articolo, ospita la mia intenzione. È un annuncio, non un “endorsement” (cioè quando i grandi quotidiani americani, sotto elezioni, dichiarano le loro scelte politiche ai lettori).

La condizione è che le regole consentano davvero la partecipazione di candidati senza apparato di partito e scorta di carica.

<!––> da L’Unità del 15 luglio 2007

QUESTO BEL MESE DI LUGLIO (fino ad ora)

foto-campo.jpg

Allora, breve aggiornamento: sono a tre giorni dall’inizio dell’ultima tornata universitaria prima delle vacenze.. e nonostante si profili una debacle di dimensioni apocalittiche, studio abbastanza serenamente.. fino a martedì mattina mi chiudo agli arresti domiciliari, tra poco staccherò il telefono e rimarremo soli soletti io, kant, paolo rossi (non il comico e nemmeno l’ex pablito, ma lo storico della scienza), darwin, teilhard de chardin e altri amici filosofi vissuti tra il ‘600 e la fine del ‘700.. proveremo a conoscerci meglio e a volerci un po’ più bene..

Da lunedì a mercoledì sono stato a Troia, ridente cittadina medievale a 15km da casa mia, dove si è svolta la 48ore interregionale msac.. 25 ragazzi da 6 diocesi di puglia e molise… era un po’ che non vivevo un’esperienza così, è stata molto bella.. in questo periodo in cui mi sono completamente riversato su me stesso, è stato bello scoprire (o meglio riscoprire) la bellezza del’incontro e della convisione della vita… spesso i ragazzi ce li abbiamo in testa e allora mi stupisco quando mi accorgo come può essere straordinaria la testimonianza di un 17enne e quanta voglia di vita ci sia.. ringrazierò il Signore per sempre di avermi permesso di vivere la straordinaria esperienza del Msac.. ti cambia la vita davvero…

E poi è stato bello, perchè c’era la mia equipe giovani, di cui ogni giorno che passa mi sento sempre più responsabile, con cui ogni giorno condivido un pezzo sempre più importante della mia vita.. vi voglio davvero bene, amici miei..

E infine permettemi di dire che è stato bello perchè c’è stato il mio grande amico prete..amico di una vita e sempre più compagno di strada… grande capsikk!!!

appena ho un attimo metto su qualche foto..

p.s. auguri telematici (poi quelli reali glieli faccio dopo) a Marco e Roberta per il loro matrimonio a cui con grande dispiacere non potrò essere presente, e a miei carissimi amici Mimmo e Daniela, per il battessimo di quella cosa stupenda che è il loro piccolo Giampaolo..

p.s. 2 visto che ci sono aggiungo gli auguri a Massimo e Silvia che si laureeranno martedì e mercoledì (non vado manco a una.. se vivete in culibus mundi è colpa mia?)

U’ CINTVINTISETTE MAI

oesais_2.jpg

 

Avendo appena aderito alla petizione per il ricongiungimento di Toti e Tata pubblico qui una delle più grandi canzoni degli Oesais! Per i non pugliesi pubblico la traduzione… per i pugliesi non c’è bisogno di spiegazioni..

 

 

Scennebb’ d cas’ l’ata mattain’

p’ pigghia’ la macchina mai

arraiv’ u’ spaunt’ e vaid’

ca nun ce staiv’

Vavv’dai addò la sò mettaut’…

aier ser stev’ stonaut’…

nu taip’ ca daisc ” unnau

t l’hann frecheut’ !! “

 

RIT.

U’ cintvintisett’ mai,

u’ cintvintisett’ abàrth

la rot’ d scorta nova nova

ha sparisciaut’

le tendin’ parasaul’

l’imbiant’ ddu ciddai

la calamait de la Medonne

la Medonne du Pauzz

d’ Capaurs

 

Scebb’ da n’amic’ mai

metà meccanic’ e metà topain’

pè vedai ce peteve fa’

ma daitt “Uannau, c’ magghin’ t’hann frecaut’?”

“U’ cintvintisett’ metallizzaut'”

Me responnaibb’

” Ma vaffencaul’ ! !

C’ sacch’ c’ me credaiv’

penzav’ u’ Mercedais!

Ce mmò non te ne vai ada avè u’ raist!

Non zì perdenn’ taimp

mo’ mo’ adà sparaisc

e accatt’ na magghina nova ! ! “

Accatt’ na magghina nova?

U’ cintevintisette ma con nzoup tout l’adesaiv

E cu motor’ che ‘ciu tirav’

facev’ cintedaisc’ allaur’ !

Addò stà…..

Eppur jè m’jer affezionaut
n’a denz’ ca jer tutt ‘ncaruaut
pour l’imbient a ghes, n’g jer muntaut
Ng’ jer appennout pour l’abre magiaique
e quenn na mnenn trasiv iantr
subt diciaiv: “Mò, c’addaur!”

 

RIT.

U’ cintvintisett’ mai,

u’ cintvintisett’ abàrth

la rot’ d scorta nova nova

ha sparisciaut’

le tendin’ parasaul’

l’imbiant’ ddu ciddai

la calamait de la Medonne

la Medonne du Pauzz

d’ Capaurs

 

Scendevo da casa l’altra mattina

per prendere la mia autovettura

ma arrivai all’angolo e vidi

e non c’era.

Mi domandai dove l’avevo messa

ieri sera ero ubriaco…

arrivò un tipo e mi disse “ragazzo,

te l’hanno rubata!”

 

RIT.

Il mio centoventisette!

Il centoventisette abàrth!

con la ruota di scorta nuova nuova

mi hanno fatto sparire!!

le tendine parasole

l’impianto CD

l’immaginetta calamitata della Madonna

della Madonna del Pozzo

di Capurso

 

Andai da un mio amico

metà meccanico e metà delinquente

per vedere se si poteva fare qualcosa

Mi disse ” ragazzo, che macchina ti hanno rubato?”

“Il centoventisette metallizzato”

Mi rispose “

ma vaff.!!

Chissà che macchina credevo!

pensavo un Mercedes!

Se ora non vai via di corsa avrai il resto!!

Non perdere tempo

sparisci in un secondo

e comprati una macchina nuova, decente!!”

Compra una macchina nuova?

Il centoventisette con sopra tutti gli adesivi!

E per il motore che se lo tiravo

prendeva i centodieci all’ora!!

Dove sta….!!??

 

Eppure io mi ero affezzionato

anche se era tutto arrugginito

pure l’impianto a gas ci avevo montato

Poi ci avevo appeso l’Arbre Magique

e quando una ragazza entrava

subito diceva: “mamma che odore!”.

 

(Oesais – Toti e tata- U’ cintvintisett mai)

 

 

 

O ORTE O MORTE

cappio.jpg

Ora qualcuno mi dovrà pur spiegare per quale cavolo di motivo esiste l’estate… la gente va al mare, si sollazza tutto il giorno, se ne va in vacanza in posti vagamente esotici, le gnocche si svestono (questo non c’entra ma è vero), mentre io sto sempre qui, incollato su sta cacchio di sedia, davanti a sti cacchio di libri, sudando come un puerco perchè ci sono 7000 gradi e maledendo Hume, Spinoza, Leibniz e quello stronzo di Kant… oltre tutto in questo periodo tutti o si laureano o si sposano, mentre io rimango qui, senza una laurea, senza un lavoro, senza una donna e senza una lira, a macinare il cervello nel vuoto… è veramente un brutto mondo!

pensavo anche… se facessi un sondaggio tra le persone che hanno la sventura di conoscermi, quanti direbbero che sono un idiota?

comunque sono arrivato alla conclusione che un po’ psicolabile lo sono…

come dice il mitico Giobbe (non il profeta) “Chi va con lo zoppo va piano piano…” (non c’entra un cazzo ma stasera sono più imbecille del solito…)

infine ho un dubbio che mi assilla… perchè tre quarti dei servizi di studio aperto sono sulla canalis (vero, provate a contarli -anche se mi sembra difficile che gente sana di mente possa guardere studio aperto in modo non accidentale…)? e le altre veline sono stronze? come è ingiusto questo mondo!


luglio: 2007
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

visite

  • 80,534

MY ACCOUNT ON DELICIOUS

VISITA IL MIO MYSPACE

myspace