Archivio per febbraio 2008

kublai kan

image_235164.jpg

Non è detto che Kublai Kan creda a tutto quel che dice Marco Polo quando gli descrive le città visitate nelle sue ambascerie, ma certo l’imperatore dei tartari continua ad ascoltare il giovane veneziano con più curiosità e attenzione che ogni altro suo messo e esploratore. Nella vita degli imperatori c’è un momento, che segue all’orgoglio per l’ampiezza sterminata dei territori che abbiamo conquistato, alla malinconia e al sollievo di sapere ce presto rinunceremo a conoscerli e a comprenderli; un senso come di vuoto che ci prende una sera con l’odore degli elefanti dopo la pioggia e della cenere di sandalo che si raffredda nei bracieri; una vertigine che fa tremare i fiumi e le montagne istoriati sulla fulva groppa dei planisferi, arrotola uno sull’altro i dispacci che ci annunciano il franare degli ultimi eserciti nemici di sconfitta in sconfitta, e scrosta la ceralacca dei sigilli di re mai sentiti nominare che implorano la protezione delle nostre armate avanzati in cambio di tributi annuali in metalli preziosi, pelli conciate e gusci di testuggine: è il momento disperato in cui si scopre che quest’impero che ci era sembrato la somma di tutte le meraviglie è uno sfacelo senza fine né forma, che la sua corruzione è troppo incancrenita perché il nostro scettro possa mettervi riparo, che il trionfo sui sovrani avversari ci ha fatto eredi della loro lunga rovina. Solo nei resoconti di Marco Polo, Kublai Kan riusciva a discernere, attraverso le muraglie e le torri destinate a crollare, la filigrana d’un disegno così sottile da sfuggire al morso delle termiti.
 
(Italo Calvino, Le città invisibili)

Annunci

anyway the wind blows

pentlig.gif

credo che questa sia la più bella canzone mai scritta…

Is this the real life, is this just fantasy?
Caught in a landslide, no escape from reality
Open your eyes, look up to the skies and see
I’m just a poor boy, I need no sympathy
Because I’m easy come, easy go
A little high, little low
Anyway the wind blows, doesn’t really matter to me, to me

Mama, just killed a man, put a gun against his head
Pulled my trigger, now he’s dead, mama
Life had just begun, but now I’ve gone and thrown it all away
Mama, oooh
Didn’t mean to make you cry
If I’m not back again this time tomorrow
Carry on, carry on, as if nothing really matters

Too late, my time has come
Sends shivers down my spine, body’s aching all the time
Goodbye everybody, I’ve got to go
Gotta leave you all behind and face the truth
Mama oooh, I don’t want to die
I sometimes wish I’d never been born at all

I see a little silhouette of a man
Scaramouch, scaramouch, will you do the fandango?
Thunderbolt and lightning, very very frightening me
Gallileo, gallileo, gallileo, gallileo
Gallileo figaro, magnifico

But I’m just a poor boy and nobody loves me
He’s just a poor boy from a poor family
Spare him his life from this monstrosity
Easy come easy go, will you let me go
Bismillah no, we will not let you go – Let him go
Bismillah, we will not let you go – Let him go
Bismillah, we will not let you go – Let me go
Will not let you go – Let me go – Never
Never let you go – Let me go, never let me go, oooh
No, no, no, no, no, no, no
Oh mama mia, mama mia, mama mia let me go
Beelzebub has a devil put aside for me, for me, for me

So you think you can stone me and spit in my eye
So you think you can love me and leave me to die
Oh baby, can’t do this to me baby
Just gotta get out, just gotta get right outta here

Ooh yeah, ooh yeah, nothing really matters, anyone can see
Nothing really matters, nothing really matters to me
Anyway the wind blows
È questa la vera vita, è questa solo fantasia?
Perso in una frana, senza scampo dalla realtà
Aprite gli occhi, alzate lo sguardo verso il cielo e vedrete
Sono solo un povero ragazzo, senza bisogno di comprensione
Perché mi faccio trasportare facilmente
Un po’ su, un po’ giù
Comunque il vento continua a soffiare, a me in realtà non importa

Mamma, ho appena ucciso un uomo, ho puntato una pistola alla sua testa
Ho premuto il grilletto, ed ora è morto, mamma
La vita era appena iniziata, ma ora io l’ho gettata via
Mamma, ooh
Non volevo farti piangere
Se non sarò tornato domani a quest’ora
Va’ avanti, va’ avanti, come se niente fosse accaduto

Troppo tardi, è giunta la mia ora
Ho i brividi lungo la schiena, il corpo duole in continuazione
Addio a tutti, devo andare
Devo lasciarvi tutti e affrontare la verità
Mamma, ooh, non voglio morire
A volte desidererei di non essere mai nato

Vedo una piccola sagoma d’uomo
Spaccone, spaccone vorresti ballare il fandango?
Fulmini e saette, molto, molto mi spaventano
Galileo, Galileo Galileo, Galileo
Galileo figaro, magnifico

Ma sono solo un povero ragazzo e nessuno mi ama
È solo un povero ragazzo di una povera famiglia
Risparmiate la sua vita da questa mostruosità
Uno che si lascia trasportare facilmente, uno semplice, mi lascerete andare
Per l’amor di Dio! No, non ti lasceremo andare – Lasciatelo andare
Per l’amor di Dio! Non ti lasceremo andare – Lasciatelo andare
Per l’amor di Dio! Non ti lasceremo andare – Lasciatemi andare
Non ti lasceremo andare, lasciatemi andare – Mai
Mai lasciarti andare – Lasciatemi andare, non lasciatemi andare mai, ooh
No, no, no, no, no, no, no
Oh mamma mia, mamma mia, mamma mia, lasciatemi andare
Belzebù ha messo un diavolo da parte per me, per me, per me

Così pensi di potermi lapidare e sputarmi in un occhio,
Così pensi di potermi amare e lasciarmi morire
Oh bambina, non puoi farmi questo, bambina
Devo solo uscire, devo solo uscire di qui

Oh sì, oh sì, niente m’importa veramente, chiunque può capirlo
Niente è veramente importante, niente m’importa davvero
Comunque il vento continua a soffiare

(Bohemian Rapsody, Queen)


ma è uno zingaro di lusso e lo sa…

Con una giacca sbagliata
Walter il mago si presenterà di nuovo qua
Con un cilindro truccato
ed un coniglio vecchio quasi come il trucco che fa
Ed il suo abra cadabra-cadabra abra
si fa chiamare zingaro
ma è uno zingaro di lusso e lo sa. Lo sa
Seconda attrazione del circo
Walter il mago tornava da Mario come una star
le mani molto più ferme e storie di donne che
lo aspettavano in ogni città
per un suo abra cadabra-cadabra abra
e la magia più grossa giura
che gli è successa in casa sua
con il suo cane per pubblico,
“per una magia così” dice “val la pena vivere”
Fai comparire una donna
fai apparire una donna
faremo apparire una birra noi, se vuoi
Fai comparire una donna
fai apparire una donna
che questa notte farà meno freddo, vedrai
Con i suoi scarsi segreti
Walter il mago si presenterà di nuovo qua
ci fingeremo stupiti
che non ci costa niente farlo sentire una star
con i suoi abra cadabra-cadabra abra
quanti bambini ha stupito
e ora i bambini sono più vecchi di lui
nemmeno un trucco è cambiato che
che se il mondo cambia
qualche mondo non cambia mai
Fai comparire una donna
fai apparire una donna
faremo apparire una birra noi, se vuoi
fai comparire una donna
fai apparire una donna
che questa notte farà meno feddo, vedrai

(Ligabue, Walter il mago)

non ho molto tempo per scrivere post elaborati, o per riflessioni profonde… quando è così mi piace mettere su testi, canzoni e cose simili… credo che spesso dicano di te molto di più di qualsiasi altra cosa si possa scrivere… questa vecchia canzone, ad esempio, mi piace un sacco perchè parla di un tipo che non vuole crescere… e nonostante le cose intorno a lui cambiano e vanno avanti, lui nella magia continua a crederci… e poi mi da l’idea di uno che pur non essendo un gran che se la crede un sacco, e questa è una cosa che mi affascina molto: mi sono sempre piaciuti quelli inutilmente estrosi, che magari fanno i centrocampisti e sono scarsi nel passaggio, ma siccome sanno fare i dribbling e le “veroniche” le fanno pure nella loro metà campo, e senza avversari intorno, così, solo per il gusto di farle e di sentire il pubblico impazzire… gente tipo il grande portiere colombiano Renè Higuita, uno che si tuffava di piede o che senza problemi arrivava nell’aria avversaria e poi prendeva goal da pippone… ci vuole coraggio per fare cose del genere, per essere capaci di non uniformarsi al mondo o a quello che il mondo vorrebbe da te… penso sia meglio essere “zingari”, ma essere “zingari di lusso” che essere belli, ma uguali a tutti quanti…

p.s. mi rendo conto che questo blog sia un po’ strano… non scrivo quasi mai riflessioni sulle cose che succedono, ma di solito scrivo di cose un po’ astruse che alla maggior parte del mondo sembrano idiozie (e probabilmente lo sono)… ma mi rendo conto che questo blog assomiglia sempre di più a me, e a quello che volevo che fosse… per cui mi scuso con chi ci capisce poco (forse tutti…)!


febbraio: 2008
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829  

visite

  • 80,572

MY ACCOUNT ON DELICIOUS

VISITA IL MIO MYSPACE

myspace