Archivio per settembre 2008

tikvà

“Tornate alla fortezza, prigionieri della speranzaè scritto in Zaccaria (9, 12) per annuncio di salvezza. La parola ebraica speranza è tikvà, che vuol, dire anche corda.Tornate alla fortezza, prigionieri della corda è la traduzione possibile del verso, che così richiamerebbe l’immagine di una liberazione di denuti sciolti materialmente dai legami. L”ebraico muove sempre dalle cose concrete. Solo a forza si usare la parola corda essa diventa anche speranza. E” bello per me che la speranza abbia un’anima di corda. Essa trascina, lega, consente nodi, può spezzarsi.

(Erri De Luca, Alzaia)

questo testo, bellissimo, mi ritorna in mente da qualche giorno… non so, in questo periodo strano, così angosciante e indefinito, mi piace pensare alla speranza con un’anima di corda… spessa, tenace, forte… una speranza forte che non si spezza, che resiste, che lega, che tiene insieme… in quesi giorni ho bisogno di tenere insieme mille cose.. le preocupazioni, quel po’ di volontà che mi è rimasta, l’angoscia di un futuro (molto prossimo) difficile da immaginare, i desideri, le paure, i sogni… tutto tenuto insieme da una speranza forte che non si spezza…  e proprio in questi giorni in cui inizio a temere di non farcela questa strana speranza che prende un po’ allo stomaco la sento forte… e ti prende con tutta la sua forte carica di angoscia.. ma forse questo vuol dire diventare grandi…

Quando nell’Eneide Virgilio scrive: spes sibi quisque, ognuno sia speranza a se stesso, esclude funi e soccorsi. E’ la raccomandazione adatta a un alpinista impegnato in una solitaria integrale. Nella parola tikvà c’è invece il senso di essere qualcuno e qualcosa che non lascia soli. Non sempre la speranza mostra la sua fibra di canapa ritorto, resistente. Però è bello sapere che essa ha quella tenacia d’origine.

Torno a scrivere cose più importanti, o meno (a seconda dei punti di vista)… auguri a tutti, soprattutto a me!

p.s. mi sto esaurendo!

Annunci

vedevam l’altra riva, la vita

O ragazza dalle guance di pesca
o ragazza dalle guance d’aurora
io spero che a narrarti riesca
la mia vita all’età  che tu hai ora.
Coprifuoco, la truppa tedesca
la città  dominava, siam pronti
chi non vuole chinare la testa
con noi prenda la strada dei monti

Silenziosa sugli aghi di pino
su spinosi ricci di castagna
una squadra nel buio mattino
discendeva l’oscura montagna
La speranza era nostra compagna
a assaltar caposaldi nemici
conquistandoci l’armi in battaglia
scalzi e laceri eppure felici

Avevamo vent’anni e oltre il ponte
oltre il ponte ch’è in mano nemica
vedevam l’altra riva, la vita
tutto il bene del mondo oltre il ponte.
Tutto il male avevamo di fronte
tutto il bene avevamo nel cuore
a vent’anni la vita è oltre il ponte
oltre il fuoco comincia l’amore.

Non è detto che fossimo santi
l’eroismo non è sovrumano
corri, abbassati, dai balza avanti!
ogni passo che fai non è vano.
Vedevamo a portata di mano
oltre il tronco il cespuglio il canneto
l’avvenire di un mondo piu’ umano
e più giusto più libero e lieto.

Ormai tutti han famiglia hanno figli
che non sanno la storia di ieri
io son solo e passeggio fra i tigli
con te cara che allora non c’eri.
E vorrei che quei nostri pensieri
quelle nostre speranze di allora
rivivessero in quel che tu speri
o ragazza color dell’aurora.

Avevamo vent’anni e oltre il ponte
oltre il ponte ch’è in mano nemica
vedevam l’altra riva, la vita
tutto il bene del mondo oltre il ponte.
Tutto il male avevamo di fronte
tutto il bene avevamo nel cuore
a vent’anni la vita è oltre il ponte
oltre il fuoco comincia l’amore.

Avevamo vent’anni e oltre il ponte
oltre il ponte ch’è in mano nemica
vedevam l’altra riva, la vita
tutto il bene del mondo oltre il ponte.
Tutto il male avevamo di fronte
tutto il bene avevamo nel cuore
a vent’anni la vita è oltre il ponte
oltre il fuoco comincia l’amore

(Modena City Ramblers, Oltre il ponte)

oktoberfest08, io c’ero!

Munchen, 20 settembre 2008, Paulaner Tent

che meraviglia!

Chi non si interessa della birra che beve potrebbe anche non preoccuparsi del pane che mangia!

www.mondobirra.org


settembre: 2008
L M M G V S D
« Ago   Ott »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  

visite

  • 80,572

MY ACCOUNT ON DELICIOUS

VISITA IL MIO MYSPACE

myspace